Cosa potrebbe succedere se il creatore anonimo dei bitcoin venisse rivelato? Coinbase ha una teoria

Economia

Il mercato delle criptovalute ha visto una mania totale negli ultimi anni, dove hanno visto il più grande boom. Soprattutto per il bitcoin, una delle valute meglio valutate finora ma anche una delle più volatili.

Polemiche sul creatore di bitcoin

Giovedì scorso, il bitcoin è stato ancora una volta oggetto di polemiche in seguito al deposito di un rapporto da parte di Coinbase, una delle più grandi piattaforme digitali per lo scambio di criptovalute e beni digitali.

Secondo il rapporto che hanno depositato per il loro debutto in borsa, per Coinbase, un fattore che potrebbe causare la caduta del prezzo del bitcoin è la rivelazione della vera identità del creatore della criptovaluta.

Ma questa non è l'unica cosa che la presentazione dice su di lui, ma anche su ciò che accadrebbe se Satoshi Nakamoto, lo pseudonimo di questa persona o persone, vendesse i suoi bitcoin.

Satoshi Nakamoto ha una fortuna in bitcoin valutata a quasi 30 miliardi e si ritiene che possieda circa il 5% dei bitcoin perché è stato la prima persona a estrarre i bitcoin.

Non dimentichiamo che il prezzo del bitcoin è alto perché c'è una quantità limitata della moneta, circa 21 milioni possono essere minati.

Disponibilità di bitcoin sul mercato

Ha senso pensare questo se si ricorda perché il bitcoin è così famoso, cioè che la sua migliore qualità sul mercato è che è un bene deflazionistico. Questo significa che la valuta ha alti picchi e bassi picchi sul mercato.

Questo è dovuto a diversi fattori come la quantità limitata di monete sul mercato, l'accaparramento o la riduzione del numero di monete in circolazione.

Ora, cosa succederebbe se il controverso signor, o signor, Satoshi decidesse di mettere sul mercato tutti i suoi bitcoin? Semplice, la moneta andrebbe in depressione e il mercato sarebbe totalmente destabilizzato. Questo avrebbe un impatto negativo su Coinbase e altri marketplace digitali.